329 5938010 info@domygo.it

Pronti per diventare Verdi?

La colonnina elettrica DomyGO è l’ideale per l’installazione in ambienti domestici: box, posti auto privati che non necessitano di controllo accessi in quanto l’utilizzo è normalmente limitato a poche persone, quasi sempre ad uso esclusivo degli stessi proprietari del veicolo, semplificando la ricarica.

Sei pronto a risparmiare circa il 40% scegliendo energia naturale ?

FAQ

Cosa serve per ricaricare la propria auto elettrica a casa?

La soluzione più semplice e comoda, ovviamente, è ricaricare i veicoli elettrici nel proprio garage. Secondo diversi studi condotti sugli utenti, questa è attualmente la forma di ricarica più frequente, e si prevede che la percentuale di sistemi privati di ricarica delle auto elettriche in Italia superi il 90 per cento.

Naturalmente, è possibile provvedere alla ricarica dell’auto elettrica a casa collegandola a una comune presa domestica. La ricarica mediante la normale rete domestica, tuttavia, data la potenza ridotta di 2,3 kW, richiede un tempo un po’ più lungo. Al posto della presa domestica, consigliamo l’uso di una cosiddetta Wallbox, che viene installata e adeguata all’impianto di casa da un elettricista e che grazie alla potenza notevolmente più elevata consente di ricaricare l’auto in un tempo molto più breve.

Per una ricarica comoda e rapida, chi usa una wall box può scegliere liberamente il fornitore dell’energia elettrica. Questo permette di risparmiare rispetto all’uso delle colonnine pubbliche e anche di contare su un montaggio impeccabile a cura del costruttore dell’auto. In Italia, il recente Decreto Rilancio prevede forti incentivi per l’installazione di colonnine di ricarica per auto elettriche o di wall box. Le colonine DomyGo rientrano nel bonus 110%

Come funziona la ricarica di un’auto elettrica?

In linea di massima, la ricarica di un’auto elettrica è semplice come quella di qualunque altro dispositivo elettrico a batteria: si inserisce il connettore e il processo di ricarica si avvia. Quando la batteria è piena, il processo di ricarica si interrompe automaticamente.

E con questo, il processo di ricarica nel garage di casa è concluso. Altrettanto facile è la ricarica a una colonnina pubblica. In genere, l’utente deve autenticarsi nella colonnina mediante una scheda di ricarica o una app del fornitore, collegare il cavo all’auto e premere un tasto per avviare la ricarica.

Da un po’ di tempo, le aziende erogatrici permettono anche il roaming, come si fa con i telefoni cellulari: in questo modo, con determinate schede di ricarica è possibile utilizzare anche le colonnine di altri fornitori. 

Quanto dura la ricarica e quali fattori determinano il tempo di ricarica delle auto elettriche?

Il tempo di ricarica di un’auto elettrica dipende dalle dimensioni della batteria, dalla potenza di ricarica massima e naturalmente anche dalla carica residua della batteria. Per i veicoli elettrici, la ricarica a corrente alternata (CA) richiede normalmente più tempo che alla corrente continua (CC). Un esempio concreto: nella Wallbox con la classica potenza di 11 kW, una BMW iX3 impiega al massimo sette ore. Grazie alla High Power Charging e alla potenza di 150 kW della iX3, in 34 minuti si può arrivare all‘80 per cento di ricarica. Le colonine Fast e l’Automatica DomyGo possono essere richieste anche con l’High Power

Qual è il costo di ricarica di un’auto elettrica e come viene pagato?

La soluzione più economica è la ricarica nella propria Wallbox. In questo modo, è possibile cercare autonomamente il fornitore e scegliere un’offerta adeguata alle proprie esigenze e alla potenza del proprio veicolo. I costi dell’energia elettrica per la ricarica di un’auto elettrica nelle stazioni pubbliche sono differenziati. Dipendono infatti dalle tariffe dell’energia elettrica locali e dai regimi tariffari dei singoli fornitori.

Come funziona la ricarica a induzione? È già disponibile?

Dopo tante informazioni sul presente, diamo uno sguardo al futuro delle auto elettriche, quando le stazioni di ricarica domestiche o le colonnine pubbliche potrebbero essere superate. Nel futuro immediato, ricaricare un’auto elettrica diventerà semplice come ricaricare uno smartphone su una base di ricarica o uno spazzolino elettrico a induzione, ossia con la trasmissione di corrente senza contatto, mediante un campo magnetico alternato. La batteria viene ricaricata grazie a una bobina primaria integrata nel piano che interagisce con il veicolo. Questa modalità funziona in garage, nei parcheggi e persino in strada. L’Automatica DomyGo guarda già al futuro.

FAI UN SALTO NEL FUTURO!

NOSTRI PARTNERS

Hai delle domande ?
Scrivici!

Autorizzazione al trattamento dei dati

DOMYGO Srl di Canta Domenico, P.IVA 02907420356  42019 Scandiano (Re), info@domygo.it, PEC: domygo@pec.it Tel: 329 5938010